Tag: primavera

Il freddo dentro – SPECIFICHE

 

itsice

➡ Quante volte mi è capitato di dire TI VOGLIO BENE e non ricevere risposta o appena un ANCHE IO

➡ Quante volte mi è capitato invece di sentirmi dire TI VOGLIO BENE ed essere incapace di rispondere, o spiccicare anche io un strincinato ANCHE IO

➡ Fino all'8 Luglio non avevo mai sentito dire o detto TI AMO… Ero attento a non scottarmi… Poi dopo averlo sentito sono riuscito a dirlo per la 1' volta anche io… E lo avrei ripetuto all'infinito se me ne fosse stata data l'opportunità…

EQUILIBRIO… Se solo riuscissi a mantenere EQUILIBRIO nei rapporti…
Ma dopo attente analisi credo di essere giunto alla conclusione che sia pressochè impossibile trovare EQUILIBRIO in qualsiasi tipo di rapporto… E quindi, forse, sono più normale di quanto creda…

Il freddo dentro

 

ice-building-3

Ok, il modo in cui ho preso coscienza di questa cosa non è dei + "normali", ma così come si dice che "non si finisce mai di conoscere le persone"… Penso questa cosa valga, nel mio caso, anche per ME STESSO…

Lunedì sera guardavo GF. A metà trasmissione, ad Alberto, l'ormeggiatore genovese, fanno vedere attraverso una vetrata la nonna… E lui si emoziona, la chiama "nonnina", e dice di averci un rapporto speciale.

Ecco. Lì si mette in moto il mio cervello. Io con nessuno dei miei familiari ho un rapporto speciale. Probabilmente non mi emozionerei a quei livelli…

Faccio un altro passo e analizzo meglio… Non è solo con i miei familiari che non ho un rapporto speciale…

Sono incapace di tenere a lungo i rapporti, specie di amicizia, forse sempre per la solita questione che mi ossessiona da anni, del disequilibrio.

Espongo meglio: puntualmente mi capita di legarmi ad una persona, all'inizio dò tutto me stesso. Forse mi regalo, mi svendo. Dò il 150%, ma ricevo in cambio solo un 20-30%. Insisto un pò. Poi forse mi scoccio. Allento la presa. Nel momento in cui ciò accade, la differenza viene notata dall'altra parte, c'è un tentativo di "recupero" che viene però abortito da me. Perchè i tempi non combaciano. E allora quando ormai mi sono stancato, il rapporto diventa di "2' scelta".

Allo stesso modo capita che sia qualcun altro che si affeziona a me più di quanto dovrebbe, e lì dimostro la mia incapacità a ricambiare i sentimenti altrui. Forse addirittura ad ACCETTARLI…

E questo fa si che, analizzando il mio "portafoglio di affetti", non ce ne siano di equilibrati o duraturi.

Sarà quella corazza che Peppe dice che non so usare… O semplicemente che dal mio "letargo emozionale" in realtà non voglio uscire?

Sta di fatto che ho tanto, tanto freddo dentro… E soprattutto sono SOLO e mi sento SOLO in mezzo a centinaia di persone… E forse aspetto che inizi la mia "primavera"… 😥