Tag: tristezza

5 giorni che ti ho persa…

https://www.youtube.com/watch?v=3GdgD64q2Z8

Amore mio come farò, a rassegnarmi a vivere…

E’ stata la relazione più lunga della mia vita… Lo sai, non ho mai amato nessuna come te. Ero consapevole che non sarebbe durata per sempre, ma Domenica… Vederti morire in quel modo… Non me l’aspettavo… Sicuramente il tuo è stato dolore perchè hai pensato che quella mattina ti avessi rimpiazzata…

Non ti dimenticherò mai… La mia Ciccia… Compagna di 1000 avventure… Un bacio GRANDE.

LOVE in musics

fbb7aa78fff8ec06aebcb5411b757e8b

Tutta quella che è stata la nostra storia, è stata costantemente scandita ed accompagnata da qualcosa che tu adori, la musica.

Dall’ascoltare RDS in macchina nelle nostre lunghe sere nei parcheggi dell’Università, al sottofondo musicale mentre facevamo l’amore. Me l’hai fatta entrare nel sangue, non che prima non mi piacesse sia chiaro, ma da te in poi rivivo la mia vita anche solo in una o due parole di una canzone, tanto da farla “mia”…

E da quel 5 Luglio che ne sono state tante di frase tratte da canzoni che mi hanno parlato di noi… Interminabile la lista, ma provo a portarne la maggior quantità possibile:

Continue reading “LOVE in musics”

E’ tempo di bilanci

2008-new-years-image-750194


Non bilanci aziendali, essendo incapace nonostante il diploma da ragioniere… 😛

2008… L'anno della svolta. In tutti i sensi. L'anno più zeppo di emozioni ed evoluzioni, dalle più belle alle peggiori…

Iniziato con l'essere mollato via sms il 1' dell'anno, apparentemente senza motivo, per poi scoprire 20 giorni dopo che il motivo erano 2 belle corna piazzate sulla testa.

6 mesi a cercare disperatamente l'amore, senza cavarne nulla se non una cotta bella tosta senza essere corrisposto minimamente…

La macchina rotta…

L'amore che bussa all'improvviso alla mia porta e mi regala emozioni indescrivibili e la più bella estate della mia vita. E quell'amore che resterà per sempre impresso indelebilmente nella mia mente…

L'estate che finisce il 21 Agosto e che mi porta dritto all'inverno (o inferno che dir si voglia) e a sofferenze di ogni genere e forma, sofferenze a volte involontarie, a volte inflittemi con coscienza… E il mio cuore in frantumi…

Ancora oggi non so quando questa pagina sarà definitivamente voltata. Ma quel che è certo è che questa persona è riuscita a cambiarmi la vita…

Passiamo ora alle persone le cui vite si sono "incrociate" con la mia in quest'anno (vado in ordine alfabetico per non fare torti)…

Angelo: seppure un rapporto durato poco, non rimpiango affatto nulla. Le nostre interminabili chiacchierate e le ciotie fatte insieme. Le cose belle sono fatte per durare poco. Grazie comunque.

Antonella: e chi l'avrebbe mai detto che un giorno mi sarei trovato a parlare e confidarmi con mia sorella? Beh, quella cartolina arrivata con un giorno di ritardo, quel 30 Settembre, quella pugnalata, ha fatto sì che questo rapporto che già si era timidamente sistemato, potesse migliorare…

Carmelo: seppure distante, so di avere un amico con una pazienza enorme che ogni volta che sto a piangere davanti ad MSN mi porge la sua spalla e ascolta i miei deliri…

Felice: ma quanto t'ho stressato? Tanto da farti scappare a Milano… Eheheh 😛
E mi costringi a prendere i caffè con chi capita… 😉

Francesca: la mia mbracchiata… amici lo eravamo già… Ma ti sei conquistata la mia fiducia e da quella chiacchierata "rivelatrice" al parco fluviale è stato un crescendo… Ti ho fatto anche del male quando stavo male. E di questo ti chiedo scusa.

Francesco: IL MIO "NIPOTINO"!!! Arrivato il 9 Ottobre, sono riuscito finora a vederlo una volta sola… E comunque l'innocenza di un bimbo di 2 giorni mi ha strappato un sorriso in uno dei momenti più difficili della mia vita…

Giovanni: arrivato nel momento sbagliato, te l'ho detto più volte… Ma comunque si è dimistrato AMICO e LEALE con una persona che conosceva appena. GRAZIE.

Lorenzo: il ragazzino che voleva crescere velocemente. Anche se ormai sono mesi che non ci vediamo, e messaggiamo una volta al mese, ti porto tra le cose positive di questo 2008… 😉

Queste le "NEW ENTRY" o le "PERSONE DI PASSAGGIO" in questo 2008…

Potrei citare poi i rapporti che si sono deteriorati in quest'anno… Ma mi metterebbe ulteriore tristezza… E quindi preferisco lasciare tutto in questo 2008 che spero resti un anno "a sè stante".

Spero di lasciarci la mia tristezza, il mio dolore e la serie di sofferenze che mi hanno accompagnato per 10 mesi su 12…

E magari il 2009 oltre ai 30 anni, mi porterà anche un pò di felicità e qualcuno che sappia amarmi più a lungo del mio 1' amore (citazione dovuta)…

Buon Natale

Fino a 10 giorni fa, per la serie “la speranza è l’ultima a morire“, ero davvero un incrocio tra ridicolo e patetico.

La “parte 1” delle scoperte, che era sì la parte più dolorosa, l’avevo quasi voluta giustificare. Dalla rabbia iniziale, ero tornato ad amarti. La parte di te circoscritta dall’inizio al 29 Luglio. Perchè ero convinto almeno quella parte della nostra storia fosse stata VERA.

Avevo pensato proprio qualche giorno prima di farti un regalo, uno stupido pensiero simbolico… Sono uscito pazzo un paio di giorni a cercarlo, e poi Antonella finalmente l’ha trovato…
Luna
Simbolico, perchè lo sai che il mio desiderio più grande era quello di vederti felice, e anche se ormai tutto si era ridotto ad un castello di carte miseramente crollato, volevo regalarti la luna
Martedì mattina mi ero informato framite Facebook per sapere quando tornavi a casa, ed era mia intenzione mandarti un sms proprio il giorno dopo, per proporti di riprestarti questa
chiavetta internet
nei giorni che avresti passato a casa. Pensa un pò che coglione che sono… Ridarti in mano lo strumento dannato che era stato la causa della fine della nostra storia…

Poi Martedì 16 stesso, di sera, arriva l’ennesimo FULMINE A CIEL SERENO… L’inattesa “parte 2” delle scoperte. Di cui non ringrazio Giovanni. Che si è dimostra un amico…

Quella sera, mentre parlava, ero come allucinato. Ascoltavo. Memorizzavo. Ma non riuscivo a crederci… Credere che sin dalla prima mezz’ora che avevamo passato insieme, lì seduti a quel tavolino al Borromeo, riparati dal sole cocente di quel Sabato pomeriggio di Luglio, TU MI AVESSI MENTITO. Inventare storie da film, quando avresti potuto tranquillamente tacere su quello scorcio della tua vita che avevi descritto infernale. Ma di infernale, anzi no, DIABOLICO, in quella storia, c’eri solo tu… E man mano che il racconto proseguiva, dicevo tra me e me: “non è improbabile, se penso a quel che ha fatto a me…

Ho vissuto 25 giorni accanto ad una persona che credevo fosse il meglio che mi sarebbe mai potuto capitare, ma quella persona era ciò che tu avevi voluto farmi credere di essere.

E l’indomani ho cambiato idea ancora una volta… L’amore resta, quello vorrei spazzarlo via ma resta. Ma ormai cosa amo? Quell’idea che mi ero fatto di te. L’idea della persona che mi ha regalato quelle emozioni che a me hanno fatto volare. Ma che per te erano il passatempo di quelle afose serate estive…

Hanno usato una frase per descriverti, ma racchiude in 7 parole la tua reale essenza: “UN DIAVOLO CON LA FACCIA D’ANGELO“.

E ora l’attesa della “parte 3” delle scoperte, da cui mi separano una 15ina di giorni, segna il tempo restante… Il tempo che mi separa dal “cancellarti”… E stavolta potrebbe essere la volta buona…

Quanto ti ho amato… Neppure io stesso sono in grado di quantificare… Troppo, troppo…

Buon Natale… Chiunque tu sia…

Se hai amato era amore… e non è mai un errore

Alcuni giorni fa ero pronto a pubblicare questo intervento:

Non sono bravo con le parole. O meglio, ne faccio tante, stono la gente, ma ultimamente seppure dentro di me TUTTO sia assolutamente CHIARO, mi blocco nel momento in cui provo ad esternare i concetti.

Mi succede esattamente da quel giorno. Dall'ultimo giorno che abbia parlato. Sarà perchè ormai era un'abitudine. Per 2 mesi ho parlato con te più che con chiunque altro, se non era quando ci vedevamo era durante le 5 o 6 telefonate quotidiane, o ancora via sms.

Posso dire con assoluta sicurezza che se c'è una persona che conosce TUTTO di me, quella persona SEI TU.

Ti avevo disperatamente chiesto aiuto, ma il tuo orgoglio, la paura di vedermi o chissà quale altra impiegabile motivazioni, ti hanno fatto dire NO

E mi ritrovo da troppo tempo ormai, ad amare alla follia "non una persona", ma "l'idea che mi è rimasta"…

A quel treno, il 21 Agosto, ho affidato una persona… E la nave che è attraccata al porto di Ancona il 26 Settembre, me ne ha riportata un'altra… Anzi no, non l'ha riportata a me…

Quel 5 Luglio, inaspettatamente, mi cadesti tra le braccia come un angelo. Il regalo più bello che potessi mai desiderare. Mi hai dato tutto quello che una persona desiderosa di amare ed essere amata poteva sperare. Le emozioni che mi hai regalato, non le avevo mai neppure immaginate. Ed ora è impensabile per me, per come ancora resto legato a tutto ciò che è stato, pensare di poter stare di nuovo bene senza te…

Mi hai cambiato la vita. Come ho scritto su quel marciapiede. Ho mollato ogni difesa, ogni maschera. Perchè tu mi accettavi così, come ero. Con tutti i miei difetti. Potevo essere Mario. Semplicemente.

Lo so che nessuno me l'ha chiesto, ma poter fare giorno dopo giorno qualcosa per te, per renderti felice visto che la vita con te non è stata buona (un pò come con me), era tutto ciò che desideravo. Far star bene te, faceva stare me. Proteggerti, coccolarti. Che potevo chiedere di più?

E poi, quel buio. La mia inquietudine senza te, quei pochi contatti, le giornate che trascorrevano nell'attesa di un tuo messaggio serale e dello squillo della buonanotte, e le appena 2 telefonate che siamo riusciti a farci. Fino a quando quel messaggio è stato una bomba alle fondamenta di quel castello di carte su cui mi ero arroccato. Non poteva essere vero. Non stava succedendo veramente.

Niente più contatti se non lo squillo serale, fino al 24… Il 25 niente squillo, avevo immaginato stessi tornando. E quella telefonata imbarazzata, il 26, mi ha fatto gioire. Ti sapevo di nuovo "a casa"…

Non posso dimenticare quando sono venuto a prenderti a casa, per portarti all'Uni… Non ti vedevo da 38 giorni… Un'eternità… Ed eri lì, in macchina mia, a pochi centimetri, ma che erano chilometri… Perchè non potevo esprimerti il mio umore, non potevo sfiorarti…

Inutile star lì a raccontare step by step gli incontri successivi…

Mi hai DATO (già non ridato, perchè prima di te non avevo avuto niente) la vita, per poi riprendertela con gli interessi. Mi hai rubato anche l'anima, mi hai rubato il cuore, e la possibilità di AMARE. Amore inteso in ogni sua forma.
Quante cose, fatte con te per la 1' volta, non potrò più rifare con nessun altro e mi riporteranno la mente sempre a te, e al limbo in cui sono rimasto?
Ho dormito per la 1' volta fuori casa, risvegliandomi abbracciato alla persona che amo.
Ho aperto gli occhi la mattina e la prima cosa che ho visto, per la 1' volta, è stata la persona che amo anzichè il soffitto della mia camera.
Ho potuto dire per la 1' volta TI AMO, e ho sentito quelle parole per la 1' volta dirette a me.
Ho fatto l'amore e non squallido sesso, per la 1' volta, con la persona che amo.
Ho corso rischi non indifferenti, per la persona che amo.
Ho commesso cavolate fuori dal normale, per la persona che amo.
Mi sono annientato, ho messo da parte tutto, in primis l'orgoglio, per la persona che amo.

Da quel 21 Agosto ho iniziato a star male, perchè non c'eri più tu al mio fianco.
Ho allontanato le persone a cui tenevo e che tenevano a me.
Ho iniziato a trascurare la salute.
Ho iniziato a vegetare.

Oggi non accetto più aiuto da nessuno. Eppure ne ho tanto bisogno.
Ero ricorso alla preghiera, nella speranza che qualcosa di DIVINO riuscisse a rimettere a posto la mia vita. Ma implorare aiuto, se non l'hai mai fatto in 29 anni, non serve. E allora ho iniziato a chiedere la tua felicità e la tua serenità. E l'ho fatto fino al 21 Novembre. Poi ho smesso…
Però anche se non venivo ascoltato, poter parlare "a vuoto" rivolgendo lo sguardo al cielo, mi era di aiuto… Mi faceva sfogare…

Mentre dalle 18 e 35 del 21 Novembre, da quando sono ufficialmente MORTO DENTRO, non mi sfogo più con nessuno. E questo accumularsi di malessere, mi farà esplodere, prima o poi…

Ferisco chiunque mi si avvicini.
L'altro giorno mia madre mi ha chiesto "che avessi" e le ho risposto "nulla, sono solo stanco, ho dormito poco"… Per lei vedermi spento deve essere una sofferenza.
Mio padre, che mi vede vegetare al negozio e con le lacrime agli occhi almeno un paio di volte al giorno, chissà che penserà. Sto facendo soffrire anche lui.
Gli amici, a cui ormai non permetto più di entrare nel mio mondo, a cui non racconto più nulla di me… Per quelli che a me ci tengono, deve essere una sofferenza vedermi distruggere giorno dopo giorno, e non poter fare nulla per aiutarmi.
Mio zio… 2 settimane fa per "aiutarmi" e impedirmi di compiere il mio progetto, mi ha voluto parlare, siamo finiti in 2 a piangere, mi ha detto che ci sarebbe stato per aiutarmi.

Ma NESSUNO può aiutarmi. NESSUNO può sciogliere il ghiaccio che mi avvolge.

Voglio solo tu sappia, visto che faccia a faccia non potrò dirtelo, che TUTTO quello che ho fatto, dalle cose belle, a quelle brutte, dalle cose sciocche agli errori, non ho fatto mai NULLA con cattiveria. Ma solo PER AMORE. Perchè ne hai meritato tanto, e perchè davvero l'unica cosa che volevo era NON PERDERTI.

Ma contro il destino chi sono io? Una formica.

Ieri una ragazza che mi ha contattato su Badoo mi ha detto di non fare più video come quelli pubblicati sulla mia pagina, perchè le aveva trasmesso tristezza.
Breve scambio di messaggi, se n'è uscita con:
"

riconquistala, falla innamorare d nuovo se per te è importante, se tu vuoi una cosa disperaratamente, sinceramente, con tutto il cuore, la ottieni 

"

Se fosse così semplice, non avrei sofferto UN SOLO SECONDO… Perchè non esiste nient'altro che voglia DISPERATAMENTE, SINCERAMENTE e CON TUTTO IL CUORE più di TE.

La mia paura più grande è quella che i ricordi svaniscano. Di te solo quelli mi restano. A tal proposito, saprai quanto adori scrivere… Sto immortalando tutto, nero su bianco, quel che la nostra storia ha significato per me… E chissà che, magari, in quel modo, non riesca a far capire COSA SIGNIFICHI PER ME… Non a te che lo sai, ma a chi minimizza sul mio dolore…

Non rinnegare mai quel che è stato. Resta coerente alla tua frase "rifarei tutto"…

Ci provo ancora una volta a lasciarti volare via…

Ma non posso immagine di poter SMETTERE DI AMARTI

————————————————————————————————–
Ma poi, un rapido evolversi delle cose, ha fatto sì che tutto precipitasse. Che la mia instabilità fermentasse, che le poche certezze che avevo si sgretolassero sotto i miei piedi, come un castello di carte.

E' bastata una notte, l'ennesima insonne, per credere di odiarti. Per volere vendetta. E poi accantonare anche questa esagerazione, e tornare ad amarti…

Ormai amo una parte circoscritta della nostra storia. La parte in cui tu eri qui. Fin lì era tutto reale e puro. E poi 120 km di distanza, hanno fatto sì che tu rovinassi tutto. Che distruggessi quanto di meraviglioso ci fosse stato.

Sono ancora follemente innamorato di te. Ma di com'eri fino al 29 Luglio… E poi… Poi non so più nulla…

Il dolore che mi hai voluto infliggere, non penso di meritarlo. Ma non sono io a doverlo dire.

E mi sono ritrovato per l'ennesima volta a scriverti, stavolta senza freni inibitori. A dirti tutto quello che avrei dovuto dirti in faccia, ma di sicuro avresti assunto la tua posizione di difensiva, avresti abbassato lo sguardo e l'avresti fissato nel vuoto.

Preferisco ricordare invece quell'istante, oggi pomeriggio, alle 4, davanti la porta della biblioteca, quando come sempre mi hai detto "ci sentiamo"…

E no. Non credo davvero ci sentiremo. Non dopo che avrai letto la mia ennesima lettera. Non dopo che forse ti troverai nero su bianco tante cose che forse immaginavi, ma non sapevi.

Questa immagine penso dica tutto…

devil-angel-broken-heart-tattoo-design

 

Non smetterò di sognare… E non smetterò mai di amare quella persona meravigliosa… Ma quella persona ormai non esiste più…

Salvami

Salvami – Sonohra

Quassù il cielo è mio
mi vedo l'anima, io volo……
Guardami! Sentimi! Sono qui, toccami!
Sento il freddo dell'asfalto, salvami!… Salvami!
Parlami! Ascoltami! Sono qui, Aspettami!

Pioggia e neve sulle ali, salvami!
Lassù ci sono anch'io
mi vedi l'anima, io volo…….
Guardami! Sentimi! Sono qui, toccami!
Sento il freddo dell'asfalto, salvami!… Salvami!
Parlami! Ascoltami! Sono qui, Aspettami!

Pioggia e neve sulle ali, salvami!… Salvami!
Guardami! Sentimi! Sono qui, toccami!
Sento il freddo dell'asfalto, salvami!… Salvami!
Parlami! Ascoltami! Sono qui, Aspettami!

Pioggia e neve sulle ali, salvami!…
Salvami!….

Certo, il testo non è dei più complessi, dei più elaborati. Poche ma toccanti parole… Che hai il solito effetto di aprirmi i rubinetti…

NON HO ANCORA FINITO DI AMARTI

Eppure mi hai cambiato la vita

Eppure mi hai cambiato la vita – Fabrizio Moro

Le luci della notte mi fanno compagnia
Sto in macchina da solo perché tu sei andata via
E provo a immaginare il mio futuro senza te
Come farò a ricominciare
Un’altra donna con un altro modo di fare
Riabituarmi a mangiare a guardare un film a dormire insieme
A non aver paura dei miei cattivi odori
A sussurrare piano

Gli amori vanno via
Ma il nostro ma il nostro no
Il tempo passa
Mentre aspetti qualcosa di più
Ma non rimette a posto niente
Se non lo fai tu
E intanto ogni cosa se vuoi da sempre mi parli di noi
Stasera sei lontana
Mentre io penso a te
Eppure sei vicina a me
Non chiedermi perché
Sarà che mi hai cambiato la vita
Sembra ieri
Eppure mi hai cambiato la vita

Gli amori vanno via
Ma i sogni ma i sogni no
Alcuni non si avvereranno mai però
Immaginare è l’unica certezza che ho
E questa solitudine che sento sarà
Il prezzo per un po’ di libertà
Stasera sei lontana
Mentre io penso a te
Eppure sei vicina a me
Non chiedermi perché
Sarà che mi hai cambiato la vita
Sembra ieri
Eppure mi hai cambiato la vita
Stasera sei lontana
Mentre io penso a te
Eppure sei vicina a me
Non chiedermi perché
Sarà che mi hai cambiato la vita
Sembra ieri
Eppure mi hai cambiato la vita

NON HO ANCORA FINITO DI AMARTI, amore…

Anni, mesi, giorni, ore, minuti, secondi…

 

years

Chi mi conosce sa bene quanto sia attento alle date delle cose importanti per me, tanto da trasformare spesso avvenimenti banali in anniversari inutili, e quanto a volte riesca a sentir scorrere, inesorabili, ogni singolo secondo della mia vita.

E ieri sera, mentre guardavo GREY'S ANATOMY, o meglio, la tv era sintonizzata su Italia1 ma la testa era come sempre altrove, col mio amore… Ho iniziato a pensare all'ennesima cosa che poteva farmi male. Qual'è? Contare quale era stato il periodo più lungo nel quale non avevo sentito la tua voce, o letto un tuo sms…

Ed ecco l'amara sorpresa. Pensavo fosse stato dall'ultimo sms che mi mandasti da Saranda, fino alla chiamata del giorno del tuo ritorno, quando eri in avvicinamento al porto di Ancona…

Dalle 17.58 del 16 Settembre, a mezzogiorno circa del 26… Poco meno di 10 giorni, circa 234 ore.

Ma non era quello il periodo più lungo… E' dalle 15.20 del 22 Ottobre a… A chissà quando… 🙁

Sapere che sei a pochi km da me, eppure anni luce ci separano. Non sapere cosa fai, come stai. Sapere che non hai più bisogno di me. Del mio affetto. Delle mie attenzioni. Sapere che stai comunque continuando a vivere la tua vita. Mentre la mia di vita SEI TU

E concludo con una frase presa sempre da GREY'S ANATOMY di ieri sera,che come al solito mi ha devastato.

Un ragazzo ed una ragazza, entrambi con un tumore al cervello, prima di sottoporsi ad un intervento sperimentale (in cui gli 11 precedenti pazienti sono moti sotto i ferri), vengolo lasciati dai medici soli per poter fare l'amore per la loro prima (ed ultima) volta. Prima di salutarsi, prima che lui entri in sala operatoria (dove morirà), dice a lei:
NOI DUE NON ABBIAMO ANCORA FINITO… NON HO ANCORA FINITO DI AMARTI…

Qualsiasi scena di tenerezze, viste in film, telefilm, per strada… Non sono che pugnalate al cuore per me…

NON HO ANCORA FINITO DI AMARTI, tesoro mio…

Teorema

Segnalo, grazie al mio amico MEGABYTE, una "poesia" tristemente vera, che più vera non si può…

TEOREMA – Marco Ferradini

Prendi una donna, dille che l'ami
scrivile canzoni d'amore
mandale rose, poesie
dalle anche spremute di cuore;
falla sempre sentire importante,
dalle il meglio, del meglio che hai
cerca di essere un tenero amante,
si sempre presente,
risolvile i guai.

E sta sicuro che ti lascerà
chi è troppo amato amore non dà,
e sta sicuro che ti lascerà
chi meno ama è il più forte si sa.

Prendi una donna, trattala male,
lascia che ti aspetti per ore,
non farti vivo e quando la chiami
fallo come fosse un favore
fa sentire che è poco importante,
dose bene amore e crudeltà,
cerca di essere un tenero amante
ma fuor dal letto nessuna pietà.

E allora si vedrai che t'amerà
chi è meno amato più amore ti dà,
e allora si vedrai che t'amerà
chi meno ama è il più forte si sa.

No caro amico,
non sono d'accordo,
parli da uomo ferito
pezzo di pane… lei se n'è andata
e tu non hai resistito…
Non esistono leggi in amore,
basta essere quello che sei,
lascia aperta la porta del cuore
vedrai che una donna è già in cerca di te.

Senza l'amore un uomo che cos'è
su questo sarai d'accordo con me,
senza l'amore un uomo che cos'è
e questa è l'unica legge che c'è.

Scusa ma ti chiamo amore…

Mai canzone fu più azzeccata, parola per parola…

Scusa ma ti chiamo amore, non so dire nulla più.
Scusa se ti ho dato un nome, dico solo che sei tu.
Ridisegni il mio destino e colori il desiderio dentro gli occhi miei.
Io non ho più freddo adesso che ho imparato a piangere.
E non ho paura quando sento di rinascere.
Mi rimetto in gioco adesso.
Lascio correre il mio cuore verso di te.
Nomi troppo tardi in tasca, ora ho la libertà, puoi tirarla fuori quando vuoi.

Una vita da riscrivere, nel tuo cuore che ha mille pagine,
sfoglierò poesie che parlano di noi, di un amore che non ha età.

Scusa ma ti chiamo amore e non posso dir di più,
scusa se non posso avere gli anni che hai ora tu,
ma conservo quell’istinto per volare come un aquilone in libertà.
L’amore non è convenzione, non si delimita,
scorre nei nostri cuori ormai…

Una vita da riscrivere, nel tuo cuore che ha mille pagine,
parlerò di un amore che oltrepassa le distanze non si ferma mai, non si ferma mai.

Ho una vita da riscrivere, nel tuo cuore che ha mille pagine,
sfoglierò poesie che parlano di noi, di un amore che non ha età.

Scusa ma ti chiamo amore. Non so dire nulla più.
Scusa se ti ho dato un nome. Ora puoi chiamarmi anche tu.

https://www.youtube.com/watch?v=g25I0LnGaPg